• Home
  • Ambiti d'intervento
  • Psicosomatica

Psicosomatica e disturbi di salute cronica

Ambiti d'intervento

Psicosomatica Grottaferrata Roma

I disturbi psicosomatici si possono considerare malattie vere e proprie che comportano danni a livello organico e che sono causate o aggravate da fattori emozionali.

I sintomi psicosomatici coinvolgono il sistema nervoso autonomo e forniscono una risposta vegetativa a situazioni di disagio psichico o di stress.

Le emozioni negative, come il risentimento, il rimpianto e la preoccupazione possono mantenere il sistema nervoso autonomo (sistema simpatico) in uno stato di eccitazione e il corpo in una condizione di emergenza continua, a volte per un tempo più lungo di quello che l’organismo è in grado di sopportare.

I pensieri troppo angosciosi, quindi, possono mantenere il sistema nervoso autonomo in uno stato di attivazione persistente il quale può provocare dei danni agli organi più deboli.

Disturbi di tipo psicosomatico possono manifestarsi nell’apparato gastrointestinale (gastrite psicosomatica, colite spastica psicosomatica, ulcera peptica), nell’apparato cardiocircolatorio (tachicardia, aritmie, cardiopatia ischemica, ipertensione essenziale), nell’apparato respiratorio (asma bronchiale, sindrome iperventilatoria), nell’apparato urogenitale (dolori mestruali, impotenza, eiaculazione precoce o anorgasmia, enuresi), nel sistema cutaneo (la psoriasi, l’acne, la dermatite psicosomatica, il prurito, l’orticaria, la secchezza della cute e delle mucose, la sudorazione profusa), nel sistema muscoloscheletrico (la cefalea tensiva, o mal di testa), i crampi muscolari, la stanchezza cronica, il torcicollo, la fibromialgia, l’artrite, dolori al rachide, la cefalea nucale) e nell’alimentazione.

Sintomi psicosomatici sono comuni nelle varie forme di depressione e in quasi tutti i disturbi d’ansia, ma esistono dei disturbi psicosomatici veri e propri in assenza di altri sintomi di natura psicologica, che rendono più difficile, per il soggetto, imputare il malessere fisico ad un problema psicologico piuttosto che ad un malfunzionamento organico.

Tra i disturbi psicosomatici più comuni si ricordano:

  • i disturbi a carico del sistema cardiovascolare quali aritmie, pressione arteriosa, crisi tachicardiche e la cefalea emicranica;
  • i disturbi dell'alimentazione: anoressia, bulimia e il disturbo da alimentazione incontrollata, rappresentano il riflesso di un disagio emotivo che somatizza sul corpo;
  • le malattie e i sintomi a carico del sistema gastrointestinale, come la gastrite cronica, l'iperacidità gastrica, il pilorospasmo, la sindrome del colon irritabile, la stipsi, la diarrea, la nausea e il vomito;
  • i sintomi e le patologie a carico del sistema respiratorio, come l’asma bronchiale, la sindrome iperventilatoria, la dispea o il singhiozzo;
  • le malattie psicosomatiche della pelle e relative al sistema cutaneo, come la psoriasi, l'eritema pubicopubico, l'acne, il prurito, la dermatite atopica, la neurodermatite, l'iperidrosi, l'orticaria, la secchezza della cute e delle mucose e la sudorazione profusa;
  • i disturbi a carico del sistema muscoloscheletrico, come la cefalea tensiva, crampi muscolari, torcicollo ed i dolori al rachide (cervicale e lombo-sacrale);
  • le malattie e i sintomi psicosomatici del sistema genitourinario, ad esempio disturbi minzionali, enuresi, impotenza;
  • le patologie a carico del sistema endocrino, quali l’ipopituitarismo, l’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo, l'ipoglicemia o diabete mellito.

Per il trattamento dei disturbi psicosomatici è necessario prima di tutto escludere qualsiasi causa di natura organica, a seguito della quale è opportuno sottoporsi ad una valutazione psicodiagnostica al fine di escludere qualsiasi altra problematica psicopatologica e programmare un intervento efficace.

Il trattamento delle somatizzazioni necessita dell’intervento di più figure professionali, medici e psicologi, che lavorino in rete allo scopo di individuare e trattare i sintomi organici e i fattori psicologici e sociali che hanno contribuito allo sviluppo della patologia somatica.

La psicoterapia nel caso del trattamento dei disturbi psicosomatici mira a ridurre lo stress, l’ansia o gli stati depressivi che si celano sotto le manifestazioni somatiche ma soprattutto ad offrire una modalità alternativa e più funzionale di espressione del proprio mondo interiore. Inoltre, l’utilizzo di tecniche di rilassamento e di meditazione si è rivelato particolarmente efficace nel ridurre l’ansia e lo stress e nel promuovere una maggiore conoscenza delle proprie percezioni corporee, fattori in grado di portare ad una diminuzione dei sintomi somatici esacerbati dallo stress.

Studio Psicològo
Studio Specialistico Associato Grottaferrata

Studio Psicològo - Studio Specialistico Associato
Grottaferrata

declino responsabilità | privacy | cookie policy

P.I. 01212020539

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2019 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Stefania Angeli
© 2019. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.

www.psicologi-italia.it